Parco Libera Tutti

Un parco inclusivo a Certaldo

L’obiettivo del progetto Parco Libera Tutti è ripensare un’area verde del Comune di Certaldo, sul modello del Parco Inclusivo, ossia un’area progettata per essere accessibile a tutti e per svolgere attività che educhino all’inclusione sociale e allo scambio tra generazioni. 

Il progetto si è distinto per il suo essere inclusivo, non soltanto nelle finalità, ma anche nei metodi tramite cui progettare il parco. Infatti, al desiderio di realizzare un Parco Inclusivo a Certaldo si è affiancata fin da subito la forte volontà di costruirlo dal basso, vale a dire con il coinvolgimento diretto della comunità locale in tutte le sue varie espressioni (cittadinanza, tessuto associativo e cooperativo ecc.). Un approccio, questo, che fa leva sull’idea secondo cui il progetto di un’area pubblica debba rispondere, prima di tutto, alle esigenze di chi frequenta quella determinata area e che evidenzia l’efficacia dell’utilizzo delle competenze di chi abita gli spazi nel disegnare luoghi maggiormente vivibili che siano realmente a misura d’uomo.  Pertanto, il progetto Parco Libera Tutti, inserendosi in questo filone di pensiero, ha voluto coinvolgere sin dalle prime fasi i suoi destinatari finali, i cittadini, con cui si è immaginato un percorso fatto di due strade parallele: da un lato una serie di incontri di progettazione condivisa, dall’altro una campagna di raccolta fondi avente come obiettivo principale il coinvolgimento emotivo dei cittadini al progetto, prima ancora che la raccolta di risorse economiche.

Il percorso è stato cofinanziato dall’Autorità per la Partecipazione della Regione Toscana e dal Comune di Certaldo, che ci ha affidato l’incarico della gestione per un importo di €10.000

Cosa è successo dopo la fine del percorso:

2018 nasce il tavolo permanente

In maniera spontanea nasce  il Tavolo Permanente per il Parco Libera Tutti, di cui fanno parte associazioni, cooperative e cittadini intenzionati a promuovere i principi di base del progetto e ad animare l’area con attività ed eventi aperti alla comunità. Il parco comincia a vivere! In attesa della realizzazione del progetto, le associazioni stanno dando vita ad una serie di attività che animano il parco sotto un unico imperativo… fare inclusione!

2019 inaugura il primo lotto

L’amministrazione, convinta degli esiti del percorso di partecipazione e spinta da tanto coinvolgimento, ha acquisito il masterplan e ha finanziato i lavori per realizzare il primo lotto del parco. A luglio 2019 viene inaugurata la “piazza centrale”. Facilmente raggiungibile da tutti i punti del parco grazie alla convergenza di vari percorsi accessibili, questo luogo rappresenta uno spazio centrale non tanto in termini spaziali quanto in termini di socialità e di relazioni.

2020 partono i lavori per il 2° lotto

L’amministrazione, col supporto di Narrazioni Urbane, partecipa e vince un bando della Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze per la realizzazione del secondo lotto del parco. Viene così allestito il cantiere per la realizzazione di un campo multisport dove praticare discipline quali basket, baskin, volley e sit-volley; un’area pic-nic con arredi usufruibili anche da persone in carrozzina e un percorso accessibile di attraversamento di tutto il parco.